“Tre anni fa l’idea di un distretto dei beni culturali con la benedizione europea, poi lo stop per la mancanza di commesse e di un’impresa forte a fare da traino.

Ma restauro, conservazione e nuove tecnologie restano decisive per la nostra regione.

Le eccellenze qui ci sono già: aspettano una spinta per poter fare il salto […]”
Per maggiori informazioni leggi l’articolo cliccando QUI.